Adesso a parlare è Malus…

Adesso a parlare è Malus…apple-3503939_960_720

«Vero? Il Bene ha bisogno della verità, ne è la ragion d’essere. Le tenebre non sanno che farsene, è tanto più comoda e pratica la menzogna. A chi vuoi che importi la verità sui membri del Grande Raduno? L’importante è ciò che facciamo credere ai popoli. Tu pensi che siano in pochi ad aver tradito? Dimentichi che di regola gli stessi vati, se devono scegliere tra proteggere uno di loro o seguire la parola del loro Dio, è a quest’ultimo che voltano le spalle. Pensaci e avrai un’idea della portata del nostro influsso sui cari vati e della quantità dei nostri servi».
Desirée vide la moltitudine di coloro che inconsciamente si inginocchiavano al Male, anime nere in abiti bianchi e Malus, oltre a dominarne i destini, sembrava essere il signore dei loro cuori. Era senza dubbio un incantatore.
Le immagini si staccarono dalle pareti e fluttuarono intorno a loro come le vele di un’immensa regata malvagia.
Malus proseguì.
«Se il Male è il venir meno del Bene, dov’è che questo è venuto maggiormente meno? In un orco che segue semplicemente la sua natura o in un sacerdote che per tornaconto personale o semplice comodità ha voltato le spalle alla parola di Dio, scegliendo il Male? E poi… scegliere? Sapessi com’è facile guidare le decisioni degli uomini, basta stuzzicare la loro avidità e dargli ciò a cui non avrebbero mai potuto ambire, insieme ad uno straccio di giustificazione morale o ideologica e diventano più bestiali degli stessi orchi. Tu non hai idea quanta violenza riescano a generare la frustrazione e l’invidia sociale».
Adesso erano le immagini della bestialità umana a circondarli, ciò che era in grado di fare l’uomo… la meschinità di chi si fingeva buono.
Malus sembrava divertito dalla bassezza umana, aveva un terribile ghigno.
«Mi hai fatto molte di domande che credevi scomode, ne faccio una a te: qual è, secondo te, il peccato più grave?» vedendo che non rispondeva e si limitava a mordicchiarsi le labbra, le spiegò.
«La superbia, il più antico e più taciuto. Il più diffuso tra i sacerdoti del Grande Raduno e i vostri potenti, persone convinte di risplendere davanti agli uomini e a Dio, eppure la loro colpa è troppo simile a quella dell’Incatenato per sfuggire allo sguardo degli Inferi. L’Incatenato… credo che il suo nome dalle tue parti abbia qualcosa a che fare con la luce: Portatore di Luce, mi pare».

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *